iTube su Boston CR 57

20 11 2007

Ecco un bel sistemino d’ascolto che non ti disintegra il portafogli…

Precisiamo subito che l’ambiente d’ascolto (il mio negozio) non è il massimo, ho il soffito a quasi 4 metri e mezzo. Ma a parte questo, andiamo subito a vedere che componenti ho installato per questo kit di prova:

Boston CR 57 – Diffusore a 2 vie separate

iTube – Finale valvolare minimale


Per chi non lo sapesse, l’iTube è un amplificatore a valvole (la versione testata eroga 13 watt a canale) nato per la connessione i-Pod. Viene fornito completo di Docking Station, come vedete nella foto, in cui potete alloggiare il vostro lettore Apple e comandarlo tramite un telecomando appositamente sviluppato, fornito nella confezione, oltre che prelevare le uscite Audio/Video in RCA o in S-Video. In più, anche perchè altrimenti non mi avrebbe destato il benchè minimo interesse, presenta un secondo ingresso di linea RCA tramite il quale è possibile connettervi qualsiasi fonte audio, in questo caso un’ottima Clarion DXZ858RMP.

Il kit amplificatore e diffusori, da me abbinati, costa:
iTube
Boston CR 57
Tutto incluso…
Mica male se pensiamo che ci sono in mezzo le valvole…

Ma passiamo all’ascolto: che dire, dopo un quarto d’ora di attesa, anche se già da freddo schifo non faceva di certo, il sistemino minimale mette tutte le carte in tavola e non si può che non apprezzare la resa d’ascolto.

Gamma Ultra bassa
Qui c’è poco da dire, non possiamo di certo pretendere i 20Hz da un woofer da 100 mm. Ma ricordiamoci anche che un diffusore di questo calibro è alto poco più di una spanna e largo poco più di mezza… Il rapporto qualità prezzo c’è tutto, ragazzi, è un diffusore occultabile in ogni dove, e non essendo un sistema da pavimento, ben rimane trasparente sotto il profilo della rilevazione dei centri di emissione.

Gamma bassa
Suona molto caldo e molto morbido, la medio bassa e sopratutto la voce grave di artisti come Sergio Cammariere risalta in tutta la sua corposità e profondità. Il basso elettrico è rotondo, pieno, senza mai sbrodolare o rigonfiarsi, così come i timpani; ottima la dinamica e la velocità del finale, pur essendo un valvolare minimale.

Gamma media
Sempre molto presente e ben centrata, ad avvalorare la tesi che in Boston sanno come incrociare gli altoparlanti. La parte alta della voce maschile e la voce femminile risuonano piene e naturali, senza compressioni o saturazioni particolari. Anche gli attacchi fulminei di brani orchestrali non impensieriscono nè il finale nè gli ottimi diffusori. I grossi piatti e le percussioni sono veloci e corpose, e i fiati non sono da meno, sassofono, tromba, clarinetto passano tutti il test ottimamente.

Gamma alta
Molto frizzante e presente ma mai aggressiva, i piatti piccoli, le spazzole, i tintinnii, luccicano nella scena sonora molto ampia e profonda (sopratutto se aspettiamo una mezz’oretta dopo l’accensione del finale). I dettagli vengono riprodotti in maniera ineccepibile, anche visti i prezzi dei componenti. Mi sono piaciute parecchio le corde alte dei violini e gli attacchi di trombe del brano di apertura de “I Magnifici 7” in una versione che purtroppo non riesco più a reperire, ma molto importante sotto questo aspetto e ben diversa da tutte quelle commercializzate.

Conclusioni:
Ottimo acquisto. Il rapporto qualità/prestazione/prezzo c’è davvero tutto, e c’è anche molto altro ancora. Rimarrete stupiti veramente, gli ingombri sono davvero minimi, tutto il sistema occupa come una confezione da 6 di bottiglie di plastica di minerale…
Comunque sia, bando alle ciance: chi vuole lo venga ad ascoltare, è il modo migliore per farvi capire di cosa stiamo parlando.

Annunci

Azioni

Information

3 responses

23 11 2007
Luca P

eh…non sono proprio dei pre…però alcuni modelli erogano segnale a 4 ohm e i watt non mi sembrano eccessivi. Magari, a chi non vuole spendere 2000 euri per un hss, potrebbero fare comodo anche in auto.

23 11 2007
Luca P

mmm…no…rettifico…credo che sarebbe un pò difficile dargli la giusta alimentazione. Probabilmente fonderebbe l’inverter (credo si chiami così)

24 11 2007
Davide

Ma infatti questo non è un preamplificatore, ma un finale di potenza…

Non può sostituire un pre perchè fa un altro mestiere.

E anche volendo metterlo in macchina, l’inverter creerebbe un mucchio di ronzii e disturbi di ogni tipo (dato che il filamento del triodo in questo caso lavora in alternata)…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: