Diodi Laser, Fotodiodi e Jitter – Coassiale VS Ottico

27 11 2007

Non staremo qui a sviscerare questioni riguardanti il funzionamento del lettore CD, che probabilmente tutti ben conoscete, ma vogliamo solo distinguere pregi e difetti di queste due attualissime ed importanti tipologie.

All’uscita di tutto il meccanismo ottico/meccanico del lettore (motorino, lente, specchi ecc.ecc.) la strada del segnale si divide in tre verso:

– uscita analogica RCA

– uscita digitale coassiale elettrica

– uscita digitale ottica

Tralasciando appunto così come introdotto il passo numero uno, analizziamo le due differenti tecniche di trasmissione.

LA TRASMISSIONE ELETTRICA DI UN SEGNALE DIGITALE

Il segnale digitale rilevato dall’ottica del lettore è di tipo elettrico e ci viene fornito direttamente sullo chassis – oppure estrapolato, pronto per essere trasportato, ma il cablaggio che utilizzeremo dovrà essere di alta qualità: dato che il segnale è in questo caso elettrico, appunto, avremo tutte le problematiche relative alla trasmissione di elettroni, ergo riguardanti campi elettrici e campi magnetici, mutua induzione, interferenze e disturbi esterni di vario genere e natura, e via dicendo, così come allo stesso modo si deve curare una trasmissione analogica nei “cavi pre”.

Piccola nota: trasmettere in forma elettrica un segnale digitale o analogico non è ovviamente la stessa cosa, a livello di immunità ai disturbi. Il segnale digitale non è stato di certo inventato solo per connettere decodificatori DTS o Surround Controller multicanale, ma perchè nel comune cavo analogico di trasporto, il segnale è di tipo sinusoidale, ed è quindi affetto da ulteriori aspetti, tutti quelli legati al moto armonico e ondulatorio, cosa che non ha natura di esistere in una trasmissione digitale.

LA TRASMISSIONE OTTICA DI UN SEGNALE DIGITALE

Trasmettere un segnale digitale in forma ottica, invece, già di per sè elimina tutte le questioni riguardanti i disturbi e le interferenze: le tratte percorribili sono molto maggiori, basti pensare che il degrado dell’insieme dei dati è nell’ordine del mezzo deciBel al chilometro… Questo perchè un cavo in fibra ottica, plastica o vitrea che sia, non risente nè del campo magnetico nè di quello elettrico, dato che stiamo parlando di trasmissione di fotoni e si rende di conseguenza indipendente da qualsiasi altro cavo dello stesso tipo adiacente ad esso (nessun loop di massa e vi discorrendo – o per lo meno nessun loop dovuto al cavo…). In più una linea ottica è un ottimo isolante: due dispositivi interconnessi tra loro si ritroveranno indipendenti ed elettricamente “staccati” l’uno dall’altro.

Entriamo però nel vivo della questione, anche perchè fino ad ora sembrerebbe che la trasmissione ottica vinca in partenza sull’elettrica solo per il fatto che è sostanzialmente immune dai disturbi.

Il famoso segnale elettrico proveniente dal sistema optomeccanico del lettore, deve però essere questa volta convertito in luminoso, per poter viaggiare lungo la linea appunto ottica, giusto? E qui entrano in gioco i

DIODI LASER
Simili ad un diodo led, non fanno altro che ricevere l’impulso digitale elettrico e convertirlo per elettroluminescenza in un impulso digitale luminoso. Questo verrà trasmesso sulla mitica linea senza disturbi per poi essere ricevuto da un

FOTODIODO
un diodo, anche questo simile al diodo led, che svolge però la funzione inversa: ricevere un impulso digitale luminoso per convertirlo in un impulso digitale elettrico.

QUALE SISTEMA E’ MIGLIORE?

– se la trasmissione ottica è esente dai disturbi ed è sostanzialmente comoda per lunghe e lunghissime tratte, l’elaborazione ha però bisogno di una duplice conversione, da elettrico a ottico e da ottico ad elettrico, cosa che nel campo strettamente audio può interferire con la qualità del suono.

– se l’elaborazione elettrica è esente da duplici conversioni, mentenendo il suono più “pulito e fedele” mostra sulla trasmissione, come dicevamo, tutte le problematiche relative ai campi elettrici e ai campi magnetici, e dovremo stare bene attenti alla qualità dei cablaggi, o rischieremo di ottenere un risultato inferiore a quello ottenuto con una anche scadente doppia conversione optoelettrica ed elettroottica.

 

IL JITTER

Abbiamo precisato che se la qualità di trasmissione elettrica è dovuta solamente alla qualità del cavo, l’elaborazione ottica è afflitta dal problema della duplice conversione. In sostanza nasce una sorta di distorsione, un disallineamento temporale nei clock tra il segnale inviato dalla meccanica originariamente e il segnale ricevuto dal convertitore. Questo è appunto il Jitter. Con un sistema di riproduzione di elevata qualità ed un orecchio molto molto allenato è infatti possibile avvertire la differenza tra le due tipologie, proprio a causa di questo fenomeno, minime variazioni che non potranno però essere lasciate da parte se stiamo cercando la fedeltà assoluta. In questo senso, quindi, non è la trasmissione in sè ad essere migliore o peggiore, ma tutto ciò che sta intorno. Il coassiale non è meglio dell’ottico, sono ottimi entrambe, solo che alla trasmissione dei dati si affianca l’elaborazione, che è suscettibile di problemi ben differenti nei due sistemi.

Andiamo a leggere cosa ne pensa Bob Katz, ingegnere del suono della Digital Domain (quello dei dischi Chesky), uno dei massimi esperti mondiali di tecniche di registrazione, incisione e trasmissione a riguardo del jitter.

E se ancora non vi basta eccovi le risposte date ad alcuni commenti di quell’articolo:

Jitter: A Clarification of my Article
Jitter: Digital Patchbays, good or bad?
Jitter: Digital Audio Cables for 24/96
Jitter on CD
Jitter In SCSI & IDE
Jitter: Toslink vs Copper
Jitter: Better Sound?
Jitter : Hypotheses

Per concludere: è necessario ricordare che al di là di tutti i fenomeni che trattiamo legati alla musica riprodotta, dalle basi agli approfondimenti più minuziosi, ci deve essere una sana consapevolezza. A volte bisogna smettere di ascoltare il suono degli apparecchi e cominciare ad ascoltare il suono degli strumenti…


Azioni

Information

One response

23 04 2009
Manuel

Io devo fare un collegamento di 15mt. Cosa mi consigliate? Cavo ottico o cavo coassiale? Il collegamento è PCHT. Io penso coassiale…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: