Valvole per tutti (2)

6 12 2007

Sviluppiamo un’elettronica valvolare di altissima qualità – Parte Seconda

Il problema affrontanto nella prima puntata mi ha dato modo di riflettere.
Lavorare con le valvole, autocostruire, e via dicendo sono tutte cose molto belle e affascinanti. La ragione fondamentale per la quale un pre o, allargando il ragionamento, un finale di qualità da auto costino quello che costino è dato dal fatto che al di là della qualità intrinseca dei componenti (cavo elettrico o cavo in argento – condensatori elettrolitici o poliestere o polipropilene o carta/olio) i triodi per funzionare hanno bisogno di:

– Trasformatore d’alimentazione
– Tensione di alimentazione del filamento di valore X
– Tensione anodica di “funzionamento” di valore Y
– Trasformatori di uscita (che si eliminano nella circuitazione OTL)

I trasformatori cambiano il suono dal giorno alla notte se non sono di qualità e le tensioni anodiche, più che di quelle di alimentazione del filamento, vanno tipicamente dai 100V ai 1000V della mitica 211, il supervalvolone alto quasi una spanna, di cui ne potete vedere una bella immagine ad alta risoluzione qui sotto.



Questo per dire cosa? Che in realtà è tutto ciò che serve a far funzionare il circuito che è costoso, non la valvola o l’idea della valvola in sè.

Come risolvere questo problema? Ci sto pensando e ci sto ragionando, provando e riprovando circuiti che o riescano a farsi pilotare bene senza alimentazioni dedicate, o che ne abbiano bisogno di una non particolarmente complessa o economicamente fuori budget. Ad oggi, tanto per fare il punto della situazione di questo progetto che ho intrapreso, vi è una prima possibilità (diciamo l’antenato minimale di quello che dovrebbe essere – poi magari si cambia tutto…):

Preamplificatore a valvole con due ECC86 alimentate e pilotate in bassa tensione senza trasformatore.

Questa è una prima bozza, alcune resistenze sono da modificare e probabilmente il potenziometro preferirò inserirlo all’inizio, sull’ingresso, e non all’uscita. In più, dato che la ECC86 è in tutto e per tutto un doppio triodo, è possibile ottenere un segnale preamplificato stereofonico con un solo bulbo, diminuendo ancora la spesa.

Il secondo circuito l’ho pubblicato più per sicurezza che altro. Dato che i filamenti lavorano a 6,3 V l’uno, collegandoli in serie è possibile alimentare a 12V, i quali però, data l’altalenante tensione fornita dalla battiera, dovranno essere stabilizzati definitivamente con un classico circuitino semplice semplice a monte.

L’unica pecca è che giocando con tensioni anodiche non troppo brillanti (quindi dai 12V ai massimo 14 che forniamo in ingresso), la retta di carico della valvola in questione (ECC86) ci dice che se pilotiamo con i nostri amati 5 Volt, non solo saturiamo, ma rischiamo il peggio. Ma dato che ormai sono finiti i tempi in cui la gente voleva l’alta fedeltà e siamo invece davanti ad un mondo di mp3isti, il basso segnale in uscita dal vostro lettore sarà in grado di far lavorare bene questo pre in un ambiente di medio-grandi dimensioni senza problemi.

E qui si parla di più o meno 40 € di materiale (compreso chassis contenitore e morsetti vari)…

In sostanza siamo di fronte ad un componente minimale da interporre tra sorgente (a basso livello d’uscita) e amplificatore. E vi dirò di più, ho già trovato anche lo stadio di potenza da dedicargli, il tutto da installare addirittura nello stesso telaio, dato che si parla di una coppia TA2002 o TA2005 a ponte comunissimi, in grado di rendere questo pre un integrato vero e proprio da 20W rms a canale. I Datasheet di questi componenti sono reperibili ovunque e con piccole modifiche ai collegamenti veloci veloci questi bei finali si prestano magnificamente per quello che il progetto low-cost, che stiamo con questa prima reale puntata analizzando, richiede.

AGGIORNAMENTO 12 DICEMBRE 2007

Ecco una versione sicuramente più performante (3 Vrms al clip in uscita). E’ già stato provato più volte in un sistema car collegato tra sorgente e finale, risultando all’ascolto piuttosto brillante… Oltre che economico….!!!
Il trimmer è necessario per una corretta “taratura” del punto di lavoro, mentre il condensatoreda 2 nF (è possibile variarne leggermente il valore) fungerà da filtro high-pass per eliminare eventuali disturbi che potrebbero interferire durante l’ascolto.
Mi raccomando anche qua stabilizzare bene la tensione dei filamenti (14V a veicolo acceso pregiudicherebbo la durata della valvola).

Annunci

Azioni

Information

13 responses

12 12 2007
Davide

Nuova versione rivisitata, con un sentito ringraziamento a Piergiorgio Plovati che ha contribuito sensibilmente. Il suo circuito è stato nominato “Precario”.

Vedere post

30 12 2007
Vicus

Ma… non consigli veramente di montare un pre a valvole in un’auto, vero?
Non mi sembra l’utilizzo più corretto.

30 12 2007
Davide

Perchè no? Non dico che sia facile evitare microfonicità o vibrazioni in eccesso, ma di sicuro il suo contributo lo può dare. Se lo fanno le “grosse aziende” perchè non possiamo farlo anche noi “in casa”. Spendiamo meno e impariamo qualcosa, che non guasta, visti i tempi che corrono…

7 01 2008
ocalabr1

Semplice ed economico ho gia comprato le valvole!lo provo in macchina tempo di ordinare il restante e poi ne riparliamo!come stabilizzo i 12 v?è questo che mi turba!!!

7 01 2008
Davide

I 12V stabili li puoi ottenere con un LM7809 e relativi diodi in serie verso massa.
I filamenti della ECC86 assorbono circa 300mA e dovrai acquistare diodi da almeno 1A. A breve posterò un articolo a riguardo. Stay tuned.

7 01 2008
Davide

Eccotelo fresco fresco: sezione Tutorial Tube Section:

Stabilizzare la tensione di filamento

9 01 2008
ocalabr1

grazie ora mi è chiaro.e se invece gli do un 7806 per valvola?

9 01 2008
Davide

Non dovrebbero esserci problemi… Non colleghi in serie i filamenti e porti i 12V in ingresso ai piedini 1 di due LM7806. Il range va da 8,5 a 21V. Non lo si fa solitamente per una questione pratica, un componente anzichè due e meno cavi in giro, ma a livello teorico ci sta…

10 10 2008
Billy

Plovati? forse intendi P.Lovati? se è quello di cui sto parlando io complimenti, è un grande…
Davide: complimenti anche a te questo sito è pieno di informazioni.

24 11 2008
Arturo Canaglia

Buongiorno, bel sito molto utile, non sono molto esperto di valvole, ma ho trovato in cantina da mio padre uno scatolotto pieno di ecc83, lo sono che non è equivalente alla ecc86, ma l’idea di utilizzarla con i 12 volt mi piace moltissimo. Secondo il suo parere posso utilizzare gli swchemi pubblicati sopra?
Eventualmente mi potrebbe suggerire una soluzione analoga?

Grazie anticipata.
Arturo C.

31 03 2009
lucass

Ciao Arturo, anche se sono ignorante in materia mi pare ricordare che la ecc83 non possa essere alimentata con un anodica inferiore ai 200V.. quindi niente batteria, al max puoi usare le ecc86 più facili da reperire ed ancora più economiche rispett alle ecc88, le trovi su ebay..
Per gli scemi usa google immagini ce ne sono a valanghe..

2 03 2010
Gianluca

Mi interessa molto il progetto di un pre-valvolare da auto, ma non riesco a vedere alcuna immagine…
Solo io??’

Grazie.

6 11 2010
DANIELE

nemmeno io vedo le immagini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: